18 May
18May


Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato fondi importanti per il finanziamento del bando denominato “Disegni +4” con l'intento di supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella valorizzazione di disegni e modelli attraverso agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale.


A chi è rivolto

Sono ammissibili alle agevolazioni le imprese che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

a. avere una dimensione di micro, piccola o media impresa (massimo 250 addetti, con fatturato che non supera i 50 milioni di euro annui e/o con totale di stato patrimoniale attivo non oltre i 43 milioni di euro);

b. avere sede legale e operativa in Italia;

c. essere regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle Imprese e attive;

d. non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali;

e. non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui alla vigente normativa antimafia;

f. essere titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione. Quest’ultimi devono essere stati registrati a decorrere dal 1° gennaio 2018 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione ed essere in corso di validità.


Cosa finanzia

Oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello.

Tale progetto deve riguardare un disegno/modello singolo o di uno o più disegni/modelli appartenenti al medesimo deposito multiplo, registrati presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale/industriale. Saranno inoltre oggetto di agevolazione le spese che attengono allo specifico disegno/modello e al suo ambito di tutela cioè “all’aspetto dell’intero prodotto o di una sua parte quale risulta, in particolare, dalle caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della forma, della struttura superficiale ovvero dei materiali del prodotto stesso ovvero del suo ornamento”.

Per accedere all’incentivo, il progetto può prevedere alternativamente la Fase 1 (Produzione) o la Fase 2 (Commercializzazione) o entrambe.

La fase 1 è destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione e l’offerta sul mercato di nuovi prodotti a esso correlati. Tra tali servizi rientrano la ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali, la realizzazione di prototipi e stampi, le consulenze tecniche per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno, la produzione del prodotto/disegno, la consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale ed infine la consulenza specializzata nell’approccio al mercato (come la redazione del business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online).

La fase 2 è invece destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale. In particolare si tratta di consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello, consulenza legale per la stesura di accordi di licenza del titolo di proprietà industriale e consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione.


Entità del contributo

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale per la realizzazione del progetto, in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna Fase e per ciascuna tipologia di spesa.

Per la Fase 1 di Produzione l’importo massimo dell’agevolazione è di euro 65 mila. In tale ambito i servizi finalizzati all'elaborazione di un business plan da parte di un esperto e/o di un piano di marketing e di una correlata analisi del mercato sono agevolati nel limite di euro 10 mila.

Nella Fase 2 di Commercializzazione l’importo massimo dell’agevolazione è di euro 10 mila.


Come partecipare

Per accedere all’agevolazione è necessario prenotarsi compilando il form on line presente sul sito dedicato a partire dalle ore 9:00 del 27 maggio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Entro 5 giorni dalla data del protocollo assegnato mediante compilazione del form on line, bisogna inviare la domanda di agevolazione tramite PEC corredata di tutta la documentazione prevista dal Bando.

Per avere più informazioni e per l'assistenza nella redazione del business plan scrivi a info@sarapiconsulting.it.

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.